"Tu e noi": la vita è un dialogo appassionato tra Lui e noi

Non c'è nulla di più grande per noi
del suo rivolgersi a noi,
del suo offrirsi a noi,
del suo invitarci a stare con Lui.

E Lui ci chiede di elevare a Lui
la voce del nostro cuore
e di radunarci attorno a Lui e in Lui.

IL SANTO ROSARIO: LETTURE PER I MISTERI

I files che trovate qui a fianco contengono dei cicli di letture evangeliche-bibliche per i 20 Misteri del santo Rosario. Ogni ciclo si rifà ad un autore particolare del Nuovo o dell'Antico Testamento (S.Giovanni, S.Matteo, S.Marco, S.Luca, S.Paolo, Isaia, Geremia, Ezechiele, etc).

Queste letture sono un grande aiuto a vivere bene il Santo Rosario come preghiera contemplativa di Cristo e della storia della Salvezza.

Dopo ogni lettura viene suggerita anche un'intenzione di preghiera, che può essere naturalmente cambiata a seconda delle circostanze o del gruppo orante.

Per ogni ulteriore chiarimento sul significato del Santo Rosario e su come recitarlo si raccomanda la lettura della Lettera Apostolica ROSARIUM VIRGINIS MARIAE di Giovanni Paolo II (2002)

  • Il Rosario è anche un percorso di annuncio e di approfondimento, nel quale il mistero di Cristo viene continuamente ripresentato ai diversi livelli dell'esperienza cristiana. Il modulo è quello di una presentazione orante e contemplativa, che mira a plasmare il discepolo secondo il cuore di Cristo. ...
  • Il Rosario si pone a servizio di questo ideale, offrendo il 'segreto' per aprirsi più facilmente a una conoscenza profonda e coinvolgente di Cristo. Potremmo dirlo la via di Maria. ...
  • La meditazione dei misteri di Cristo è proposta nel Rosario con un metodo caratteristico, atto per sua natura a favorire la loro assimilazione. È il metodo basato sulla ripetizione. Ciò vale innanzitutto per l'Ave Maria, ripetuta per ben dieci volte ad ogni mistero. Se si guarda superficialmente a questa ripetizione, si potrebbe essere tentati di ritenere il Rosario una pratica arida e noiosa. Ben altra considerazione, invece, si può giungere ad avere della Corona, se la si considera come espressione di quell'amore che non si stanca di tornare alla persona amata con effusioni che, pur simili nella manifestazione, sono sempre nuove per il sentimento che le pervade. ...
  • Una cosa è chiara: se la ripetizione dell'Ave Maria si rivolge direttamente a Maria, con Lei e attraverso di Lei è in definitiva a Gesù che va l'atto di amore. La ripetizione si alimenta del desiderio di una conformazione sempre più piena a Cristo, vero 'programma' della vita cristiana. San Paolo ha enunciato questo programma con parole infuocate: « Per me il vivere è Cristo e il morire un guadagno » (Fil 1, 21). E ancora: « Non sono più io che vivo, ma Cristo vive in me » (Gal 2, 20). Il Rosario ci aiuta a crescere in questa conformazione fino al traguardo della santità. ...
  • Per dare fondamento biblico e maggiore profondità alla meditazione, è utile che l'enunciazione del mistero sia seguita dalla proclamazione di un passo biblico corrispondente che, a seconda delle circostanze, può essere più o meno ampio. Le altre parole, infatti, non raggiungono mai l'efficacia propria della parola ispirata. Questa va ascoltata con la certezza che è Parola di Dio, pronunciata per l'oggi e « per me ». ... No, non si tratta di riportare alla memoria un'informazione, ma di lasciar 'parlare' Dio.

Chi desidera avere la versione di questi files in formato .doc (modificabile)
può farne richiesta specificandone la destinazione d'uso, al seguente indirizzo: contatti@tu-e-noi.org